IL BUIO OLTRE LA SIEPE

HARPER LEE

TRAMA:

In una cittadina del “profondo” Sud degli Stati Uniti l’onesto avvocato Atticus Finch è incaricato della difesa d’ufficio di un negro accusato di violenza carnale; riuscirà a dimostrare l’innocenza, ma il negro sarà ugualmente condannato a morte. La vicenda, che è solo l’episodio centrale del romanzo, è raccontata dalla piccola Scout, la figlia di Atticus, un Huckleberry in gonnella, che scandalizza le signore con un linguaggio non proprio ortodosso, testimone e protagonista di fatti che nella loro atrocità e violenza non riescono mai a essere più grandi di lei. Nel suo raccontare lieve e veloce, ironico e pietoso, rivive il mondo dell’infanzia che è un po’ di tutti noi, con i suoi miti, le sue emozioni, le sue scoperte, in pagine di grande rigore stilistico e condotte con bravura eccezionale.

 

RECENSIONE:

Ho letto quest’opera di Harper Lee, la prima e la più importante, su un consiglio di un grande amico: il buon vecchio Stephen King.

Il buio oltre la siepe rientra infatti tra le letture che, secondo King in on writing, autobiografia di un mestiere non possono mancare nella lista di uno scrittore, o di chiunque si stia sforzando per diventarlo.

Devo ammettere di non aver capito subito il perché di una così calda raccomandazione, sebbene fosse dall’inizio ben chiaro come entrambi gli autori amino il punto di vista dei bambini, e tutti dicano che questo sia uno di quei romanzi di formazione che va letto almeno una volta nella vita.

Addentrandomi nella lettura non ho dovuto aspettare molto perché scoccasse la scintilla, e se non si può restare indifferenti davanti a pezzi come:

 

Aver coraggio significa sapere di essere sconfitti prima ancora di cominciare, e cominciare egualmente e arrivare sino in fondo, qualsiasi cosa succeda.

 

per altri motivi non si può passare sopra ad un:

 

“…l’intera classe si dimenava sui banchi, impaziente, come un cestino di vermi.” O a un “…a volte fa più male la Bibbia in mano a un uomo qualunque che una bottiglia di whisky in mano a… a tuo padre…

 

Un libro di denuncia, in cui con eleganza Lee parla di razzismo e con infinita delicatezza di “…non fa male a nessuno”.

Un libro educativo sia a livello umano che per quanto riguarda la tecnica narrativa. Con un linguaggio mirato e una struttura che fa riflettere, commuovere, sorridere dei dispetti dei bambini e sperare durante il processo, l’autrice è riuscita a ricostruire la realtà degli Stati Uniti del sud negli anni ’30, dominati da un razzismo segregazionista mostrato attraverso lo sguardo innocente dei bambini. Ma ancor meglio è riuscita a caratterizzare i personaggi in maniera impeccabile.

Ognuno non è solo contraddistinto da proprie piccole caratteristiche, ma evolve lungo tutto lo svolgimento della trama, caratteristica che si nota molto chiaramente specie nei bambini, che modificano la loro percezione del mondo durante gli anni in cui si svolge la narrazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...