Dickens – L’uomo che inventò il Natale

Dickens – L’uomo che inventò il Natale

Qui parliamo di libri, (letti, desiderati, in lista d’attesa, piaciuti, indimenticabili, sorprendenti, best seller, esordienti…), di noi con i libri e noi per i libri, di scrittori e di tutto ciò che li può riguardare.

Quindi, se al cinema c’è un film su Charles Dickens, si va a vedere.

Tanto più se il film in questione esce proprio nei giorni di Natale e se, coincidenza, non vedremo solo una semplice o appassionante biografia, ma l’incontro di Dickens con i suoi personaggi di Canto di Natale: insomma, proprio quello che ogni autore e tutti i lettori desidererebbero poter fare.

Ritrovarsi faccia a faccia con personaggi letterari amati; sono certa che sarebbe questo uno dei desideri in cima alla lista, per chiunque incappasse in Aladino e in quella sua vecchia lampada…

…bisogna trovare il nome giusto e poi, se avrai fortuna, il personaggio apparirà”

DICKENS – L’UOMO CHE INVENTÒ IL NATALE

Regia di Bharat Nalluri.

Un film con Dan StevensChristopher PlummerJonathan PryceJustin EdwardsMorfydd Clark.

Titolo originale: The Man Who Invented Christmas.

Genere Biografico

Genere in IrlandaCanada2017,

durata 140 minuti.

Uscita cinema giovedì 21 dicembre 2017

Distribuito da Notorious Pictures.

Oggi tra i film al cinema in 246 sale cinematografiche

Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti –

Biopic di Charles Dickens che racconta come, giunto in un momento di crisi nella vita, come nella creatività, è riuscito a riscattarsi. Dickens – L’uomo che inventò il Natale è 8° in classifica al Box Office. Domenica 24 Dicembre ha incassato € 56.545,00 e registrato 8.004 presenze.

 

TRAMA:

Sei mesi dopo una trionfale tournée americana, Charles Dickens rientra a Londra dove lo attendono debiti e crisi creativa. Padre di una famiglia numerosa e figlio di un padre dissipatore, Charles è a caccia di denaro e di ispirazione. Illuminato all’improvviso dalle favole di una giovane domestica irlandese, decide di scrivere un racconto di Natale per l’ormai prossimo Natale. Ma i suoi editori, delusi dalle vendite dei libri precedenti, rifiutano di investire su quel bizzarro abbozzo di spiriti e vecchi avari. Ostinato e appassionato, Charles trova un illustratore e un’alternativa. In compagnia dei suoi personaggi, lavorerà duramente per sei settimane venendo a capo della sua storia e chiudendo per sempre i conti col passato. Le feste natalizie si avvicinano e le produzioni sfoderano l’artiglieria pesante.

 

OPINIONE:

Questa è una delle rare volte in cui un film riesce davvero a rendere l’atmosfera suggerita dall’opera letteraria, di riflesso nelle vicende vissute dall’autore nel tempo in cui stava scrivendo ‘A Christmas Carol’:

un continuo riflettere sul passato, sul presente e quello che verrà…

Oltretutto, amanti o meno di Dickens, non è possibile non restare affascinati dalla ricostruzione scenica della Londra negli anni tra il 1843 e il 1848.

Il cast è eccezionale, e gli effetti scenici insieme a regia e fotografia danno alla pellicola un sentore di magico, trasformandola a sua volta in una favola dentro la favola.

Come già qualcuno non ha mancato di far notare, finalmente le musiche sono sinfoniche e non digitali.

Che ne dite, ci sono abbastanza buoni motivi per andare a vederlo?

Io, appena uscita dal cinema, sono entrata nella libreria più vicina: colta da un improvviso bisogno di diventare proprietaria di una copia cartacea di Canto di Natale

Annunci

3 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...